Page 13 - Programma antibullismo Kiva - Guida per I genitori
P. 13
QUALI SONO LE CAUSE DEL BULLISMO?La domanda più comune riguardo al bullismo è da cosa sia causato. La risposta non è semplice. È causato dal bullo? O dalla vittima? Dall´insegnante? Dal contesto scolastico? Dalla società? Ciò che è certo, è che il bullismo non è mai causato da uno solo degli elementi elencati sopra. Tuttavia, i fattori che incrementano il rischio per un bambino di diventare bullo o vittima sono conosciuti. È stato dimostrato che il bullismo si verifica con più facilità in alcune classi rispetto ad altre. Ci sono anche differenze tra le scuole, differenze tra i paesi, ecc. In diverse culture, diversi fattori possono incrementare il rischio di diventare bulli. Per esempio, nei paesi occidentali, i bambini tranquilli e timidi potrebbero correre un rischio maggiore di essere vittime di prepotenze, mentre in Cina, questi bambini sono popolari ed hanno uno status elevato nel gruppo di amici. Ne deriva che anche ciò che viene apprezzato in ogni cultura influenza il fenomeno del bullismo.Chi agisce e chi subisce?Le ricerche dimostrano che ci sono alcune caratteristiche che potrebbero esporre i bambini al rischio di diventare bulli. Alcuni di questi bambini potrebbero avere seri problemi in diverse aree della vita, potrebbero avere una personalitá aggressiva, o potrebbero avere difficoltá nel provare empatia per gli altri. Tuttavia, é importante capire che spesso i bulli sono abbastanza ordinari, spesso anche buoni, che quando stanno insieme ai compagni finiscono per comportarsi male verso un membro del gruppo.Il punto di vista corrente é che una delle principali ragioni che sottostanno al bullismo riguarda la motivazione del bullo a rinforzare il suo status sociale, o di guadagnare potere nel gruppo.I bulli hanno bisogno di essere visti e ascoltati per ricevere ammirazione e per guadagnare potere nel gruppo. Pertanto, la vittima è spesso un bambino o un adolescente insicuro, timido che ha già uno status sociale basso nel gruppo, ha pochi amici, o non ne ha per nulla. Scegliendo questo tipo di vittima, il bullo è certo che il gruppo non reagirà, assicurandosi una facile vittoria. Di conseguenza, la convinzione radicata che il bullo sia un bambino con una bassa autostima e che voglia sfogare i suoi sentimenti cattivi mediante gli attidi bullismo è sbagliata. Ci sono molti bambini che compiono atti di bullismo per divertirsi, per impressionare gli altri, o a causa della semplice sconsideratezza.Date queste premesse, ne deriva che ognuno può essere vittima di bullismo. Le ricerche hanno identificato alcune caratteristiche che aumentano il rischio per il bambino, o l´adolescente, di essere vittima di bullismo. Questi includono la possibilità di avere un fisico particolare, essere obesi, o sottopeso, la goffaggine, o caratteristiche temperamentali come la timidezza, l’essere introversi e l’impulsività. Anche i bambini con problemi di apprendimento corrono un rischio maggiore di essere vittimizzati. La timidezza, l´insicurezza e la bassa autostima sono i comuni predittori della futura vittimizzazione. Tuttavia, non vi è necessariamente la certezza, ma solo un rischio maggiore che la presenza di queste caratteristiche siano associate ai casi e alle situazioni che portano alla vittimizzazione.Nonostante le caratteristiche riportate sopra possano incrementare il rischio di essere vittime, questo non è una colpa, o una responsabilità della vittima o dei suoi genitori. Le differenze fisiche, la timidezza, l´insicurezza non sono difetti della vittima ma caratteristiche che devono essere accettate. Inoltre, è importante notare che i risultati di ricerca si basano su dati relativi a centinaia di studenti. In realtà, quando si porta avanti una ricerca su grandi campioni, non necessariamente questo discorso si applica a ogni singola situazione di bullismo. Pertanto, anche i bambini che non sono particolarmente timidi, o insicuri, o che hanno un´elevata autostima potrebbero finire per essere vittime dell’attacco dei compagni.Sebbene molte vittime siano bambini inibiti, timidi e non aggressivi tra coloro che subiscono ci sono anche bambini aggressivi. Anche un tratto di aggressività impulsiva ed incontrollabile potrebbe aumentare il rischio del bambino di essere vittima di bullismo. Un piccolo numero di vittime potrebbe a loro volta attaccare bambini più piccoli e deboli. Con questa categoria di bulli è spesso particolarmente difficile fermare il fenomeno. A causa della loro impulsività e del loro comportamento irruento, i loro compagni di classe potrebbero ritenere comprensibile e addirittura giustificata la possibilità che essi subiscano a loro volta atti di bullismo.13


































































































   11   12   13   14   15